CROCCHETTE COTOLETTE & CO.

DEL POLLO NON SE BUTTA VIA GNENTE!

29 Novembre 2015 da nella categoria a tavola, alimentazione con 5 e 2

Qualche mese fa mi sono imbattuta in un articolo su gli allevamenti intensivi di pollame e su una preparazione industriale chiamata CSM (carne separata meccanicamente). Finito di leggere e ricercare, ho pensato che era meglio rimanere nell’ignoranza…non avrei mai più avuto il coraggio di mettere in tavola alcune preparazioni di cui le mie figlie (ahimè) sono molto golose.

Ora quando scatta la fatidica domanda “Cosa volete per cena?”, non c’è volta che Gloria non risponda “La cotoletta” e Linda “I wurstel”. Le povere ci provano sempre, ma non riesco più a propinargliele … nonostante farebbe proprio tanto, ma tanto, comodo!!!

Prima di passare in rassegna i prodotti che ci offre il mercato, vorrei fare una piccola digressione su alcuni concetti fondamentali che non possiamo non conoscere quando acquistiamo questo genere di prodotti.

LA CARNE SEPARATA MECCANICAMENTE
LA CARNE RICOMPOSTA
GLI ALLEVAMENTI INTENSIVI DI POLLAME
LA “PULIZIA” DELLA CARNE CON AMMONIACA
LEGGERE BENE LE ETICHETTE

pink-slime4La carne separata meccanicamente corrisponde allo scarto dell’industria alimentare animale (in particolare di pollo e tacchino). Ovvero le ossa, la cartilagene e la poca carne che vi rimane attaccata viene triturata con degli appositi macchinari e ridotta ad una poltiglia rosa particolarmente malleabile e lavorabile che viene, per l’appunto, soprannominata “pink slime”.

Questo composto non è “nocivo” nel senso di batterico, ma le sue proprietà nutrizionali sono scarsissime e la presenza di sodio (sale) è molto elevata.
Questa preparazione è alla base di moltissime preparazioni di polpettoni, cotolette, crocchette, wurstel e tortellini.

La carne ricomposta corrisponde alla triturazione di diverse parti di carne con l’aggiunta di altri emulsionanti (per lo più acqua ed enzimi). L’etichetta dovrebbe specificare quali tipologie di carne sono state utilizzate (ad esempio filetto e coscia).

Gli allevamenti di pollo industriali sono capannoni giganteschi in cui vengono “ospitati” 10 animali per metro quadro, le luci sono accese 24 ore per stimolare l’alimentazione continua, medicine e vaccini sono somministrati a tutti indistintamente tramite l’acqua.

Fino a poco tempo fa era prassi comune eliminare la carica batterica e il sapore della carne macellata lavandola con delle miscele contenti ammoniaca. Venivano poi aggiunti coloranti e aromi (quasi sempre curcuma e paprika) perché il sapore e l’aspetto fosse più appetibile e simile alle aspettative commerciali.

Questo trattamento con ammoniaca era stato portato alla ribalta dal famoso chef britannico Jamie Oliver, al cui riguardo aveva dichiarato:

“Stiamo prendendo un prodotto che sarebbe stato venduto nel modo più economico per i cani e dopo questo processo, viene dato agli esseri umani. Oltre alla bassa qualità della carne, l’idrossido di ammoniaca è nocivo per la salute. Perché qualsiasi essere umano ragionevole dovrebbe voler mettere carne trattata con ammoniaca nelle bocche dei loro figli?”.

In ogni etichetta è specificata la percentuale di carne presente nella preparazione e l’ordine di scrittura degli ingredienti è inserito dal maggiore al minore. E’ anche importante dare un’ occhiata al tipo di olio utilizzato, ricordiamoci che stiamo parlando di prodotti prefritti! Quasi sempre è indicato un generico olio vegetale che potrebbe essere uno qualsiasi (anche il famigerato olio di palma), ma alcuni specificano.

Queste nozioni base ci permettono di scegliere il prodotto che riteniamo migliore, consapevoli di ciò che presentiamo a tavola.

Andiamo ad osservare alcune etichette di cotolette e crocchette trovati in due supermercati in città. Le foto alle confezioni sono state fatte di strafugo mentre facevo spesa. E’ stato strepitoso, provare per credere! Non vi guarderà proprio, ma dico proprio, nessuno!!!

La dicitura CSM sta per Carni Separate Meccanicamente

SPINACETTE (Del Campo)

 5,60 € al kg

spinacette dal campo

22,8% CSM

7,4% carne di tacchino

7% spinaci

olio di colza

COTOLETTA POLLO E SPINACI (Coop)

9,55 € al kg

45,7% carne di pollo e tacchino ricomposta

15,4% spinaci

olio di semi di girasole

COTOLETTE CON POLLO (senza marchio)

6€ al kg

cotoletta senza marca

29% carne di pollo

20% CSM

olio di semi di girasole e archide

COTOLETTE DI POLLO (Coop)

12,50 € al kg

55% carne di pollo ricomposta (metà filetto, metà coscia)

olio di semi di girasole

CROCCHETTE CON POLLO (senza marchio)

 6 € al kg

crocchette senz amarca simply

30% carne di pollo

6% CSM

olio di semi di girasole e archide

CROCCHETTE DI POLLO (Vivi Verde Coop)

 14,00€ al kg

crocchette pollo coop

39% carne di pollo ricomposta

olio di semi di arachide

CROCCHETTE DI POLLO AL FORMAGGIO

(Martini)

crocchette di pollo martini

22% carne di pollo

7% CSM

olio di semi di girasole

LE BIRBE (Amadori)

6,33 € al kg
le birbe

48% carne di pollo (filetti)

olio di colza

 NAGGHY (Aia)

12€ al kg

54%filetto di pollo

olio vegetale non specificato

NUGGETS (Findus)

11,96 € al kg

50,5% petto di pollo

olio di colza

Riguardo i wurstel non c’è molto da dire, perche il 99% delle confezioni sugli scaffali contiene la quasi totalità di CSM. Gli unici “differenti” sono quelli di alcune marche tedesche. riconoscerli è facile…il loro aspetto è molto più brutto e il colore molto più scuro.

Detto questo, rimane il fatto che, quando si ha poco tempo, il “già pronto” è un enorme aiuto. Ora almeno è molto più facile orientarsi tra gli scaffali per poter scegliere un prodotto preconfezionato che, quantomeno, non sia una totale schifezza alimentare.
A volte si può provare anche a servire in tavola le cotolette di soia (di solito sono tra i surgelati) che non sono male, alle mie bambine piacciono come quelle di carne.

Se poi volete un’altra soluzione ancora…seguite i prossimi post!

P.S. Qualora non foste ancora convinti, vi lascio in coda un video tratto dal programma “La gabbia” molto interessante.

5 Commenti

  • Bruno
    on 16 Marzo 2016 Rispondi

    Il 6% di CSM sulle crocchette di pollo Viviverde Coop è falso! Non è vero, non c’è CSM; non è indicata in etichetta CSM come negli altri prodotti.

    • Autore
      Francesca Prosperi
      on 16 Marzo 2016 Rispondi

      Grazie mille Bruno per l’accortezza con cui ha letto il mio post. E’ vero, ho sbagliato a scrivere con un copia incolla errato. Ho provveduto subito a rettificare il dato inserendo quello corretto (39% carne di pollo ricomposta).
      Grazie ancora!

  • Gabbro92
    on 27 Agosto 2017 Rispondi

    Attenzione anche agli esaltatori di sapidità: i glutammati mono e di sodici rispettivamente E 620 e E 621. Molto spesso vengono indicati esclusivamente col codice E, ,e tre sarebbe auspicabile, ai fini della trasparenza e della corretta informazione al consumatore esplicitare sia il codice di designazione europeo (E), sia la designazione per esteso dell’additivo: per esempio “esaltatore di sapidità E620 glutammato monosodico.
    Comunque sa come faccio per i miei nipoti? Compro il petto di pollo e le cotolette le faccio io!!!!

    • Autore
      Francesca Prosperi
      on 27 Agosto 2017 Rispondi

      Grazie per il suggerimento, non si finisce mai di imparare come leggere le etichette!

  • Francesco
    on 3 Ottobre 2017 Rispondi

    Bell’articolo. Delle carni separate meccanicamente o carni distaccate avevo giá visto in tv. Stasera ho preso una confezione di fette di tacchino ed ho appreso delle carni composte, ho cercato sulla rete ed ho trovato questo lodevole articolo. Grazie.

Aggiungi Commento

© 2022
Easy Mum di Francesca Prosperi | P.IVA 02657280422 | Web Design by C3DM