BREVE MANUALE DI SOPRAVVIVENZA PER GENITORI DI BAMBINI A CUI NON PIACE MANGIARE

Sono una di voi fratelli!

5 Settembre 2016 da nella categoria a tavola, alimentazione, ricette Tags con 1 e 0

Come in una lunga, infinita, snervante, tosta, assurda parabola discendente, Gloria è passata in qualche anno da “me magno pure il tavolo” a “mi fa schifo tutto”. E non sto scherzando, qualsiasi cosa metti in tavola lei proferisce ogni giorno esattamente la stessa frase che può variare per intonazione, virgole ed enfasi, ma suona sempre così “Io non mangio niente, non mi piace!“.

Come se non bastasse quello che fino a ieri mangiava con entusiasmo da un giorno all’altro sparisce misteriosamente, senza preavviso, dalla lista delle cose che mangia. E’ sempre la stessa frase “non mi piace più“.

Ora, la mamma italica che c’è in me, avrebbe voluto offrire altre dieci proposte culinarie fino a trovare qualcosa che le aggradasse, ma, purtroppo per lei, si è trovata una mamma con troppi principi, per cui il nostro motto, finora, è stato “Arrangiate!”.

Nei momenti di stanchezza, quando proprio non glie se la puòffa’, ho reagito come una isterica fuori di testa (non chiedete testimonianze ai vicini, sono stati pagati per ottenere il silenzio). Normalmente vivo una sorta di scissione psichica: mi vedo che le caccio in bocca quelle cazzarola di polpette, fatte con tanto amore, legandola alla sedia, ma in realtà rimango impassibile come se la cosa non mi toccasse (il Metodo Stanislavskij l’ho inventato io!).

E’ vero che cresce bene, non è neanche magrissima, è vero che i bambini si  regolano da soli, è vero che “Bambino che non mangia, mangio’ o mangera’“…ma cheppalle però!

Il mio snervamento (esaurimento fa troppo brutto vero?!) è sempre stato contenuto da alcune certezze che condivido perché magari possono essere utili a qualcuno che si trova in una situazione simile (ve prego diteme che non sono solaaaaaa!).

– Gioisco per i piccoli progressi e le piccole vittorie.

Non guardo sempre solo le cose che non mangia, mi concentro sui risultati positivi dando loro molto più peso delle sconfitte e delle arrabbiature.

– Non cucino cose solo per lei

Cerco di inserire nel menù almeno una cosa che so che potrebbe mangiare e non le propongo alternative. Mettiamo che abbia cucinato le polpette di zucchine che sono a rischio rifiuto, le accompagno con il purè che di solito è gradito.

– Può capitare che salti interamente qualche pasto, non me ne faccio una malattia.

So che non la posso obbligare a mangiare, quindi se lo sciopero è totale mi armo di calma zen e lascio stare. Se dopo un’ora mi dice che ha fame le ripropongo quello che c’era a cena…a volte funziona!

– Evito categoricamente gli spuntini vicino ai pasti.

So esattamente che se mangia qualcosa poco prima di pranzo o cena, anche piccolo, sarà digiuno categorico. Se poi proprio non si può evitare, non insisto neanche a tavola, che tanto ce lo sapevo già!

– Se vado a cena fuori o da amici non porto cose solo per lei.

Non mi piace che passi il messaggio che lei è diversa dagli altri e che può fare come vuole, poi non mi sembra giusto verso i bambini che invece mangiano quello che c’è. In fondo poi, alla fine, mangia cose che di solito non toccherebbe neanche morta!

– Non uso nessun ricatto per farla mangiare.

Non esiste “non ti puoi alzare finché non mangi tutto” o “se non mangi niente TV”. Stai seduta finché non abbiamo finito tutti (o quasi) poi tutto procede come sempre.

– Non faccio mai paragoni con gli altri bambini.

Non lo faccio in nessun ambito e soprattutto in questo, in particolare con la sorella, che, ovviamente, secondo il principio dei fratelli sempre opposti, mangia tutto e pure per due.

– Non è colpa mia!!!!!!!!!!!!!!!!!!!!!!!!!!!!!!!!!!!!!!!!!

Ho smesso di cercare le ragioni del suo comportamento e soprattutto di cercarle in riferimento a me. OK, cibo=mamma…ma sta storia però ce manda al manicomio!

– Faccio orecchie da mercante.

Tutte le volte che qualcuno mi dice “Ma come, non mangia? Mica la farai stare senza niente poverina! Poverina lei??? Ma voi volete morì sotto le mie mani! Uso la strategia della scusa medica “La pediatra ha detto che va bene così” e tutti tacciono.

– Cerco di usare qualche trucchetto.

Per farle assaggiare cose nuove nella speranza che poi le piacciano uso dei piccoli stratagemmi che spesso funzionano ma altrettanto spesso no. A volte, ad esempio, le faccio assaggiare mentre cucino: da brava chef in erba, non rifiuta mai di aiutarmi e se viene convocata per dire la sua su sale e cottura di solito non si tira indetro.

– Non annuncio mai un piatto dicendo cos’è e cosa contiene.

Lo metto a tavola e via. Se c’è dentro qualcosa che so non gradirebbe rispondo con delle cose assurde e un po’ schifose per farla ridere, del tipo “E’ fatto con bava di lumaca e caccole di orco!”.

– Non escludo le eccezioni.

Proprio perché sono eccezioni è chiaro che non si ripetono sempre. Ogni tanto, soprattutto quando preparo una cosa ad altissimo rischio di rifiuto totale, hanno la concessione di mangiare sul divano guardando un film. Se è particolarmente stanca, le è concesso di mangiare seduta sulle nostre gambe. Infine ogni tanto facciamo un pic nic in sala, apparecchiamo sul tappeto come se fosse erba e mangiamo per terra (si sta proprio comodissimi!!!).

Di sicuro Gloria rimane una bambina dai gusti difficili, ma io sono sicura che un giorno l’avremo vinta noi…anche se magari avrà trentanni e tre figli!

Nel prossimo post parlerò di una delle più clamorose vittorie ottenute negli ultimi tempi…ovvero, di come finì l’era del “Mangio solo la pasta in bianco”…stay tuned!

Altri articoli che ti potrebbero inteerssare

LETTURA IN INGLESE PER TUTTI I BAMBINI

3 Aprile 2020 0 0
by Francesca Prosperi in category attività per bambini easy english english for kids
Read more

Uno schiaffo non ha mai fatto male a nessuno?

17 Ottobre 2018 2 0

L'ho fatta un po' lunga per spiegare quello che pensavo e concludo dicendo che sì, è vero, una sculacciata non ha mai fatto male a nessuno, ma non ha...

by Francesca Prosperi in category affermazione di sé e regole capricci tagged as bambini
Read more

Le ciambelle

8 Febbraio 2018 0 0
ciambelle per il carnevale

Procedimento con la planetaria Scogliere il lievito nel latte appena  tiepido, fate attenzione che non sia troppo caldo. Mettere tutti gli ingredienti nella ciotola tranne il burro, avviare la...

by Francesca Prosperi in category ricette tagged as carnevale come quelli veri
Read more

Gli acquerelli fatti in casa

14 Novembre 2017 2 0
acquerelli fatti in casa
by Francesca Prosperi in category attività per bambini DIY spazi, giochi e attività tagged as amido di mais bambini come quelli veri ...
Read more

1 Commento

Aggiungi Commento

© 2022
Easy Mum di Francesca Prosperi | P.IVA 02657280422 | Web Design by C3DM